.
Annunci online

SottotettiGiuseppe
Tutte le arti hanno una sola patria: il nostro cuore assetato di bellezza
Link
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Loading

Alessandro Reali - Il diavolo del Ticino
13 gennaio 2019
Alessandro Reali è un mio compaesano. Lavora come chimico in una raffineria dell'Eni: per lui la scrittura è una passione da coltivare nel tempo libero.

 

Penso che anche Dante avrebbe dovuto scrivere gialli seriali per arrivare alla pubblicazione e scommetto che Sellerio riuscirebbe a spacciare la Commedia per un romanzo poliziesco. Per questo mi colpisce che qualcuno - anche se un piccolo editore, Libreria Ticinum - abbia deciso di stampare una raccolta di racconti che esulano dal genere giallo.

Si tratta di storie raccolte presso gli anziani, quelle memorie collettive di paese che in un tempo remotissimo riempivano le serate prive di televisori e social media. Vicende ai confini della realtà, come diceva il titolo di una fortunata serie di telefilm.

Il realismo magico sarebbe nato in riva al Po? Piacerebbe pensarlo. Io credo che la narrazione implichi l'uscita dal quotidiano, imponga di abbandonare il sentiero conosciuto alla ricerca del mistero che si nasconde dietro la famosa porta che non si deve mai aprire. Mi viene in mente il buon Walther von Stolzing che trova improvvisamente la sua ispirazione nel bel sogno mattutino, ossia con una passeggiata nel mondo dell'inconscio che rimette in ordine diverso tutti i fili della giornata precedente.

Bisogna scompaginare le carte: bambine che vedono la Madonna, diavoli, fantasmi, streghe. Perchè tutto questo deve rimanere confinato all'infanzia? Perchè noi adulti non abbiamo ugual diritto a queste incursioni del magico nella nostra vita?

Questo libretto di Alessandro Reali si lascia leggere rapidamente ed è gustosissimo per più ragioni. Ripropone il fascino di un'epoca lontana; consente a chi è sufficientemente anziano di ritrovare storie narrate nella sua infanzia; sopra tutto ridisegna un reale che ci sembra di conoscere perfettamente ma la cui scorza sottilissima lascia trasparire un mondo fantastico che è sempre a portata di mano.

Nulla di nuovo: in fondo l'arte consiste nello scoprire l'ignoto dentro il conosciuto.




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 13/1/2019 alle 8:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
D'Annunzio - Il fuoco
1 gennaio 2019
La prima volta in cui lessi "Il fuoco" ero uno studente esaltato da "Il piacere" ed ero curioso di vedere come D'Annunzio avrebbe trattato Wagner.
 
Fuoco
 
Fu una delusione: Wagner è un fantasma, presente giusto per passare il testimone al geniale Stelio Effrena, destinato a costruire sul Gianicolo la risposta marmorea al teatro in legno e mattoni dell'Alta Franconia. Già la differenza dei materiali usati per la costruzione mi avrebbe dovuto far capire molto di D'Annunzio. Ma mi ero lasciato infinocchiare dai nomi di Dowland, Caccini e Monteverdi. Peccato che l'orchestrazione respighiana de L'Orfeo mi offra più informazioni sulla ricezione della musica antica a inizio 900 di tutto quello che l'Immaginifico mi possa offrire.
 
Non che saccheggiare il Manacorda dia chi sa quali risultati. Proust, con qualche verso di Arkel, presenta una originale prospettiva sul Pelleas. Non assume il ruolo di uno Sgarbi qualsiasi, innamorato della propria messa in piega mentre snocciola con linguaggio forbito delle banalità degne del pubblico di Mediaset.
 
Rileggo oggi "Il fuoco", spostando la mia attenzione sull'autobiografia dell'amore per Eleonora Duse. Quando giungo a Villa Pisani sono stremato da un linguaggio inutilmente ampolloso e pieno di sè. Ma cosa vuol dire "dentatura crisoelefantina"? Che Lady Myrta ha un dente d'oro come uno dei personaggi del West and Soda di Bruno Bozzetto?
 
Ma il mistero per me più grande rimane il motivo che mi impedisce di piantare a metà strada un libro che non mi piace.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 1/1/2019 alle 8:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Hasek - Il bravo soldato Svejk
18 dicembre 2018
Svejk è un idiota patentato: una I.R. (cioè Imperial-Regia) commissione medica dell'I.R. esercito lo ha stabilito con bolli e controbolli. E in un paese dove l'I.R. burocrazia ha stabilito anche quando e come i soldati debbono defecare nessuno si sogna di mettere in dubbio l'I.R. idiozia di Svejk.
 
Nel corso del migliaio di pagine di cui consta questo romanzo incompiuto ci renderemo conto che Svejk si serve di quello che noi oggi chiamiamo sciopero bianco: egli applica alla lettera l'I.R. regolamento per scardinarlo e per dimostrarne l'assurdità. Si arriva al punto in cui il suo superiore Lukas lo mette alla prova chiedendogli di comprare del cognac di contrabbando senza lasciarsi pizzicare dal sottotenente Dub ed apprezza la sagacia che Svejk dimostra nello svolgimento della sua missione.
 
C'è qualcosa che mi ricorda il nostro Bertoldo (abbiamo anche una impiccagione mancata causa assenza di alberi adatti alla bisogna) ma è molto più immediato il parallelo con K. anche lui alle prese con una burocrazia asfissiante e lontana, con un giudice che può giustiziare una persona senza che se ne conosca il motivo (l'oste che passa tutta la guerra in carcere per aver affermato che le mosche avevano scacazzato sul ritratto dell'Imperatore). Solo che in questo romanzo tutto viene voltato alla Rabelais in burla. Svejk è un K. che sbeffeggiando i propri aguzzini ha la meglio su di loro.
 
Il mondo I. R. (K.u.K. - Kaiserlich und Koniglich - la famosa Kakania di Kraus) è squadernato nell'idiozia che lo condanna a perire. Mi ricorda non poco l'attuale Unione Europea, altrettanto autistica e fallimentare. Forse, come Zweig, rimpiangeremo il mondo di ieri, però è anche vero che leggendo questo romanzo è difficile non comprendere le ragioni della sua fine. Però con la consolazione che, almeno, si ride.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 18/12/2018 alle 16:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Jean Echenoz - Inviata speciale
1 dicembre 2018
Come un abile strip-teaser, Jean Echenoz è consapevole che non importa il finale ma il modo con cui vi si arriva. Ed allora gioca abilmente con le regole del thriller-spionaggio.
 
echenoz
 
Insuffla nel genere ampie dosi di meta-romanzo. Ci sono i commenti di un narratore onnisciente, ma non troppo, dei frequenti cambi di nome - e personalità - dei propri personaggi che sono disorientati tanto quanto il lettore e si impappinano perchè non sanno più come chiamarsi. E' una girandola di situazioni al limite dell'assurdo in cui il lettore è complice nel gioco a rimpiattino in cui Echenoz lo inserisce.
 
Divertimento, emozione, stravolgimento di aspettative che però vengono puntualmente rispettate.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 1/12/2018 alle 8:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Hrabal - Treni strettamente sorvegliati
26 novembre 2018
Forse il romanzo più noto di Hrabal, portato anche sul grande schermo, questo "Treni strettamente sorvegliati" racconta una storia che si svolge in una stazioncina ferroviaria ceca, nei giorni del bombardamento alleato su Dresda.
 
La guerra sta finendo e si capisce che gli odiati tedeschi la perderanno. In un'atmosfera grottesca il giovane ferroviere Milos, che ha tentato il suicidio per aver avuto una eiaculazione precoce con Mascia, si muove tra cattivissimi nazisti, resistenti e colleghi strampalati (il capomanovra ha stampato i timbri ferroviari sulle natiche della telegrafista).
 
La risata di Hrabal è agro-dolce. La divertente immagine della virilità di Milos che "sfiorisce come un giglio" si mescola alla descrizione del tentato suicidio, alle sofferenze dell'ospedale e della guerra. E non si può far a meno di sorridere quando il successo sessuale del protagonista si confonde con la pioggia di fuoco che distrugge Dresda.
 
Si legge questo romanzo breve in pochissimo tempo, con immenso piacere. Io ne posseggo l'edizione E/O che comprai anni fa, poco tempo dopo la morte (forse suicida) di Hrabal. Lo sottolineo perchè il libro contiene una piacevole ed imperdibile intervista in cui l'autore si sofferma sul significato di ironia praghese.
 



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 26/11/2018 alle 13:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Antonio Manzini - Pulvis et umbra
16 novembre 2018
Rocco Schiavone, lavora ad Aosta come vicequestore - Manzini mi fa conoscere un nuovo grado gerarchico della polizia italiana. E' impegnato in questo libro con una doppia inchiesta: l'assassinio di un trans si intreccia al passato del protagonista, che non era riuscito a trovare i capi di un giro di cocaina.
 
Ci sono molte ombre in questo libro. Quelle metaforiche stese dai poteri forti, e quelle di un passato che non finisce mai, che torna nel presente di Schiavone: ciò che ha fatto, o che ha omesso di fare, le amicizie equivoche - forse di un ladro diventato guardia.
 
Ma l'ombra forse più importante è quella di Marina, che intuisco essere la compagna morta del nostro vice-questore. Non avendo letto i precedenti libri di Manzini non riesco a ricostruire più di tanto le vicende passate. Posso giusto congetturare, sono anche sicuro di prenderci nella mia ricostruzione... però in tutta onestà sento un certo senso di incompiutezza.
 
Ho l'impressione che le due storie narrate da Manzini non si incastrino perfettamente assieme. Prese ognuna per conto proprio sono belle, suscitano la partecipazione del lettore - Manzini sa certo il fatto suo come romanziere e mi sembra anche molto migliore di un Maurizio De Giovanni a cui rimandano la squadra di poliziotti scalcagnati e il dialogo con i defunti. Eppure queste vicende rimangono separate, sono due libri diversi messi nel medesimo volume. Avrei preferito di gran lunga un libro diviso in due parti separate che vivono di vita propria. A questo modo ritengo che la narrazione avrebbe guadagnato in continuità e compattezza.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 16/11/2018 alle 7:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Karl Kraus - Gli ultimi giorni dell'umanità
4 novembre 2018
Secondo Kraus questa tragedia in cinque atti, prologo ed epilogo è rappresentabile solo su Marte, le cui serate sono lunghe quanto basta per accogliere in una sola tornata questo dramma.
Non me la sento di contraddire Kraus, ma secondo me il problema del pianeta terra non risiede nella durata di una sera di rappresentazioni quanto nell’indisponibilità nostra a rimirarci in uno specchio così poco lusinghiero.
Non è che Kraus parli solo della Grande Guerra di cui proprio ora ricordiamo il centenario della fine. Egli non si limita a prevedere gli orrori della Seconda Guerra Mondiale – anche più lunga e sanguinosa – ma pure la finta pace degli anni 1918-39 e ancora i settanta anni in cui l’UE ci avrebbe evitato un conflitto europeo, come se non ci fossero state la guerra fredda tra Nato e Patto di Varsavia e quella calda nei Balcani, e come se l’Ucraina fosse tranquilla e pacifica.
Il fatto è che Kraus vede perfettamente il dominio della tecnica sul nostro mondo. Bombe, aerei, sommergibili, gas, mortai… tutto l’armamentario della tecnica va utilizzato per creare una macchina di guerra che si autoalimenta, incapace di vincere – ma anche impossibile da sconfiggere. Gli uomini sono dei semplici ingranaggi di questo sistema.
Basta un manipolo di persone armate di coltellini di plastica per abbattere le torri gemelle di New York e dimostrare che la tecnica può essere battuta. Ma gli Asburgo moderni non possono dire ai contribuenti che le loro tasse sono state spese in armi inutili ed allora ci si butta su un capro espiatorio (Serbia o Irak che sia non importa) a distruggere per il gusto di distruggere. Possibilmente in prima serata. All’epoca di Kraus ci si accontentava delle edizioni straordinarie dei quotidiani, non c’erano ancora le Breaking News delle varie CNN, ma si disponeva già di una nutrita flotta di corrispondenti di guerra che descrivono al riparo delle stanze di alberghi per occidentali il fuoco artificiale delle armi intelligenti. Ci può scappare il danno collaterale. Poco male. Ma chi se ne frega: le donne serbe che dicono alla antesignana di Christiane Amanpour che loro resteranno quando gli invasori se ne dovranno andare, anticipano la storia dell’Afghanistan moderno in cui hanno fallito gli eserciti delle superpotenze.
Questo è un libro disperato e disperante, che opprime se ci si azzarda a leggerlo dall’inizio alla fine come ho fatto io. Meglio prenderlo a piccole dosi, poco alla volta. La lettura sarà comunque dolorosa.




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 4/11/2018 alle 16:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Kader Abdolah - La casa della moschea
23 ottobre 2018
In qualità di capo del bazar Aga Jan gode di un potere paragonabile a quello di un'autorità civile. E' custode di una moschea cittadina in cui può entrare direttamente da casa propria e di cui tiene - come hanno fatto i suoi predecessori - il diario.
 
La sua vita è tranquilla. Il più grande grattacapo è solo l'imam che - per i gusti del bazar - non si occupa abbastanza di politica. Quando arriva Ghalghal, imam rampante di Qom, basta un paio di sermoni per accendere gli animi e l'attenzione dei servizi segreti: il giovane predicatore deve fuggire dalla città.
 
I libro di Abdolah descrive l'Iran del trapasso dal regime dello scià a quello degli ayatollah. Con lo scoppio della rivoluzione Aga Jan perde improvvisamente il suo potere. Deve lasciare la custodia della moschea ai nuovi capi; un suo figlio viene giustiziato dal regime. Impossibile per l'ex-potente trovare qualcuno tanto coraggioso da sfidare i rivoluzionari dando una sepoltura onorevole a una persona morta davanti al plotone di esecuzione.
 
Gli uomini sono mutevoli come la loro sorte: basta un altro giro di ruota, magari perchè il regime capisce che è giunto il momento di dire basta al terrore, per far ricomparire gli onori e gli amici di una volta.
 
Le però cicatrici rimangono. Alla fine del romanzo Aga Jan riceve una lettera da un altro figlio, già comunista, che ha perso la fede e si è rifugiato in Olanda, paese di cui ha imparato la lingua e in cui scrive romanzi. E' il ritratto dello stesso Abdolah.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 23/10/2018 alle 7:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Nattiez - I racconti nascosti di Richard Wagner
8 ottobre 2018
Anche quando scrive per un pubblico di non-musicologi, Nattiez vola alto.
 
Secondo Nattiez le dieci opere maggiori di Richard Wagner sono altrettanti momenti dell'elaborazione estetica del compositore. In conseguenza di ciò è indispensabile la lettura dei testi teorici coevi, non importa se astrusi, complessi o rivoltanti.
 
Non è un caso per Nattiez che Parsifal sia l'unico lavoro in cui non vengono toccati temi estetici: quest'ultima opera è infatti la realizzazione pratica delle idee esposte da Wagner nel corso di tanti decenni. Qui finalmente avviene l'unione tra maschio e femmina parallela a quella tra poesia e musica. Mi stupisce che nel libro non venga citato il film Parsifal di Syberberg in cui, subito dopo il bacio di Kundry, l'eroe eponimo si sdoppiava in una fanciulla. D'altro canto le uniche realizzazioni visive di opere wagneriane che vengono nominate sono il celebre Ring del centenario e i Maestri cantori salisburghesi allestiti da Herheim.
 
Mi sono parsi molto interessanti i capitoli dedicati alle opere giovanili. Nattiez passa in secondo piano gli elementi dell'Olandese Volante ancora legati alla tradizione; di Tannhauser offre un'esauriente disamina di tutte le versioni tra cui possiamo scegliere e quindi di tutti i significati che ogni edizione veicola; con Lohengrin assistiamo ad un capovolgimento dei valori, visto che nell'opinione di Nattiez è Elsa ad essere la portatrice della soluzione per l'artista-Lohengrin. Si tratta di una visione che avevo già immaginato ascoltando ad esempio un live romano con una Gundula Janowitz quanto mai aggressiva. Anche Dominique Jameux aveva adombrato qualcosa di simile ponendo Elsa sul medesimo piano della Judith del Castello di Barbablu.
 
La profondità con cui Nattiez affronta questa popolarissima opera conferma la pochezza dell'attuale festival di Bayreuth che preferisce gingillarsi con un caravanserraglio elettrificato arzigogolato e vacuo.
 
Come sempre Nattiez è interessante e degno di essere letto, anche quando pensa di essere meramente divulgativo.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 8/10/2018 alle 6:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Anatole France - L'anello di ametista
24 settembre 2018
L'anello in amestista cui si riferisce questo romanzo di Anatole France è destinato al dito di un vescovo.
 
france
 
Siamo nella Francia dell'affare Dreyfus. Antisemitismo, sciovinismo, partigianeria nei confronti delle istituzioni che non possono sbagliare. Su questo sfondo, un giovane nobile, il cui nome francesizzato - Bonmont - lascia trasparire con un sottile velo il teutonico, ed ebraico, Gutenberg, lavora perché l'abate Guitrel divenga vescovo di Tourcoing. Guitrel avrà dunque l'anello cui accenna il titolo del libro e Bonmont otterrà la sua rivincita da snob nei confronti del nobile Brécé.
 
France racconta la sua storia con una vena umoristica che mi permette di comprendere l'ammirazione che Proust nutriva per lui. In molte pagine ritrovo perfino idee e frasi che potrebbero stare perfettamente nella Recherche.
 
E non si tratta solo dei riferimenti all'affare Dreyfus. Quando il filologo Bergeret si appresta a lasciare la cittadina di provincia in cui vive per recarsi a Parigi, France analizza l'irrealtà in cui scivolano i luoghi da cui siamo assenti con parole che figurerebbero benissimo in "Nomi di paese: il nome".
 
E neppure posso tacere la comparsa di un personaggio secondario, medico, di nome Cotard. Con una sola "T" ma basta ed avanza.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 24/9/2018 alle 7:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
I. J. Singer - Yoshe Kalb
22 settembre 2018
Il vecchiotto cerca moglie... dato che nessuna donna sana di mente vuole maritare una persona rimasta vedova per la terza volta, la scelta di Rabbi Melech cade su Malka, orfanella senza dote.
 
Le regole vogliono però che prima il Rabbi dia un marito all'ultimogenita, dodicenne già donna formata che viene data in fretta e furia a Reb Nahum. Il ragazzo, di quattordici anni, non ha neanche per la testa di sposarsi, ma i genitori hanno promesso che il matrimonio si sarebbe fatto e quindi...
 
Come in una tragedia greca la ubris degli uomini genera conseguenze che distruggono l'equilibrio su cui si basa la loro esistenza. E' presente anche una moria di bimbi dovuta alla vendetta divina nei confronti di madri disattente alla sventura che ha colpito una di loro. E come nei grandi racconti epici queste colpe vanno espiate. Fino in fondo.
 
La vicenda si svolge in un villaggio ebraico, ai confini tra impero Austro-ungarico e Russo. Sono i luoghi su cui Chagall avrebbe fatto volare qualche sorridente suonatore di violino. Solo che in questo caso noi lettori non voliamo: restiamo impantanati tra le viuzze del borgo, ad usmare la nostra povera umanità carica di peccato.
 
Il protagonista - Yoshe Kalb - incarna la necessità di espiazione, di mondarsi da una colpa che lo obbliga a fuggire i propri simili, a vivere come uno yurodiviy, ai margini della società, errante nel tentativo di fuggire alla maledizione eterna.
 
I personaggi di questo libro hanno delle dimensioni sovrumane anche quando vengono dipinti nelle loro miserie. Sono gretti, superstiziosi, persi in sofismi da cui la divinità - ma anche la antica grandezza del popolo ebraico - sembrano assenti. Tutto, anche lo stile letterario, rimanda ad un soffio epico che rende il libro indimenticabile.
 
 
 
 



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 22/9/2018 alle 6:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La curva del Latte - Nico Orengo
14 settembre 2018
Quando passo sul viadotto Latte a pochi chilometri dal confine con la Francia cerco sempre di immaginare come debba essere il torrente sottostante con le case che lo circondano. E dire che sono sicuramente passato da Latte per andare a Villa Hanbury. Se allora avessi già conosciuto La curva del Latte non sarei però riuscito a far la tara della trasfigurazione cui ogni buon scrittore sottopone i propri soggetti. Senza contare che nel 1957, all'inizio del romanzo in questione, Latte ha iniziato ad imbruttirsi.
 
Tutto parte da una pompa di benzina e dopo duecento pagine il paese si è arricchito di due rivendite di vini e liquori, autorimessa e gommista. Come se non bastasse la Dolora pensa di costruire dei bungalow tra le colline ed il mare e gli speculatori edilizi hanno già i progetti dei condomini che debbono sostituire ulivi e fiori.
 
Il libro racconta diverse storie che corrono una a fianco dell'altra, spesso incrociandosi e sovrapponendosi ma rimanendo sempre distinte. E' uno schema collaudato che unito alla celebrazione del piccolo mondo antico dell'Italia d'antan ha fatto la fortuna di un Andrea Vitali.
 
Orengo però non si illude: il tanfo di benzina non è poi tanto diverso da quello prodotto dalla fabbrichetta che lavorava la lavanda; comunisti e democristiani possono dividersi in politica però poi vanno a braccetto quando si tratta di indignarsi contro la ragazza madre che porta in giro per il paese il bastardino frutto del peccato. Il paese è reduce da due guerre, di cui una civile, con tutto il carico di sofferenze che ne consegue. E la maestra compiange l'età del repubblichino Rosolino ucciso dai partigiani, non la sua ideologia.
 
L'ambiente in cui si svolge la storia è idilliaco, ma venato dalla fatica, dal sudore, dalla durezza di una natura tirchia nei confronti di coloro che cercano di trarre da essa di che vivere. Sono questi contrasti a farmi amare la piccola storia di una roccia incastonata tra Ventimiglia e Mentone.
 
 



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 14/9/2018 alle 15:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Anosh Irani - La gabbia di fiori
4 agosto 2018
Noi persone del primo mondo non siamo in grado di immaginare gli abissi di degrado in cui vivono molti nostri simili. Cianciamo di pacchie che debbono finire o ci indigniamo perché qualche attricetta da strapazzo ha ottenuto il successo concedendosi a un produttore puttaniere e non pensiamo che in paesi come l’India gli stupri sono all’ordine del giorno, cose commendevoli, tradizioni da difendere e continuare.
Anosh Irani affonda il coltello – alla lettera – nel mondo del terzo sesso: ermafroditi, persone che in un corpo maschile nascondono una donna… Senza sale operatorie, senza anestesia, senza chirurgia plastica Mahdu è diventato una femmina. Nessuno che si preoccupi del suo status: può fare la prostituta, oppure benedire i partecipanti a nozze e feste, oppure mendicare per strada. Un’alternativa è preparare altre infelici allo stupro cui seguirà la vita del bordello.
Anosh Irani descrive questa bella vita del terzo mondo,con il suo puzzo, il suo chiasso, il degrado. Non risparmia nulla, lascia pochissimo spazio alla speranza. Tratta la società indiana come se non fosse riformabile. L’atto di ribellione non può che essere violento perché si scontra con un mondo impermeabile a qualsiasi idea che contraddica l’ordine che si è sempre seguito.
La persona violentata é a sua volta strumento di violenza: prepara bimbe impuberi allo stupro e alla prostituzione, insegna loro ad obbedire a magnaccia, tenutari e maschi.
Il libro di Irani, al di là del titolo poetico, ha un contenuto duro, che dovrebbe scuotere le nostre coscienze.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 4/8/2018 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Rainer Maria Rilke - Serpenti d'argento
29 luglio 2018
Questo "Serpenti d'argento" riunisce i racconti giovanili di Rilke.
 
Rilke mostra fin dall'inizio una buona vena poetica, trova belle immagini, ha molta musicalità nel costruire il suo periodare ma si direbbe che l'unico tema che lo interessi sia la morte. In molte salse, è vero, ma in  più di un'occasione ho sentito la necessità di sottopormi a un ricovero in SPDC per depressione maggiore... sempre che, per reazione, non cominci a ridere cercando di intuire come morirà il protagonista della prossima storia.
 
C'è una tendenza suicidaria diffusa, in parte dovuta al tedium vitae, in parte legata alla necessità di sciogliere in qualche modo delle situazioni che sono diventate, come in molte storie di Stephan Zweig, troppo ingarbugliate. Non mancano le morti di bambini - con l'involontaria comicità del bimbo che desidera finire dentro quei graziosi cassoni neri sormontati da angeli - o la storia della piccola maltrattata dalla matrigna che muore assiderata nel bosco dove ha acceso un improvvisato albero di Natale per una Madonnina intagliata. Il richiamo ad Andersen - pure citato nel racconto - è evidentissimo, così come l'ambientazione naturalistica a cui il giovane Rilke deve certo molto e che ritorna in molte pagine.
 
Si sorride poi per l'uomo senza qualità disperato di non trovare eventi nella propria vita e per il ragazzotto che dimentica per strada la bara della madre che avrebbe dovuto portare nel cimitero del paese in cui la donna è nata. Ed è commovente il soldatino Pierre che compensa nell'indigestione il dolore per la fine delle vacanze estive con la mamma.
 
In generale però il tono rimane cupo. Per cui è meglio affrontare questo libro a piccoli sorsi.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 29/7/2018 alle 8:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Hoffmansthal - Andrea o i ricongiunti
4 luglio 2018
Andrea è un giovane viennese di buona famiglia che scende a Venezia per il suo Grand Tour in Italia. Non è ancora giunto in Veneto che perde la sua verginità rimanendo vittima di un lestofante che lo deruba di metà dei soldi in suo possesso. E' un luogo comune che l'eroe subisca subito all'inizio della storia una disavventura di questo tipo: che il vasto selvaggio mondo esterno sia pieno di insidie è il primo insegnamento di qualsiasi romanzo di formazione. E poi Andrea è anche vergine fisicamente, dato che non è mai stato con alcuna donna. Si innamora di Romana, la figlia dei Finazzer che lo ospitano dopo la sua disavventura.
 
Non potremo seguire più di tanto le avventure di Andrea a Venezia: il romanzo non è mai stato completato e ci dobbiamo accontentare di appunti che lasciano immaginare le parti che sono rimaste nella penna di Hoffmansthal. C'è il Cavaliere di Malta - destinato a morire suicida - che potrebbe essere il Ludovico Settembrini di Andrea, ci sono due donne antitetiche, Maria e Mariquita, che si contendono il giovane. Una donna sola rimane la stella polare di Andrea: Romana che alla fine dovrebbe sposare l'eroe.
 
Dico dovrebbe perchè mi rendo conto che stiamo parlando di supposizioni a partire di progetti che possono cambiare: talvolta i nostri viaggi cambiano - magari per il meglio - meta e presentano inaspettate svolte strada facendo.
 
La parte compiuta del romanzo è molto bella, con un linguaggio luminoso e pastellato, che mi fa pensare quasi alle visioni montane di Giono nell'Ussaro sul tetto. C'è una piacevole fusione del protagonista con la natura, compagna fedele da cui ci si lascia condurre come il mugnaio dal ruscello nella Schöne Müllerin.
 
E sono anche belli gli scorci di Venezia, dei suoi abitanti a metà cammino tra Goldoni, Casanova e Valzacchi.
 
Anche se è solo un torso, "Andrea" offre molte pagine che lasciano il segno.
 
 



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 4/7/2018 alle 8:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Aramburu - Patria
1 luglio 2018
Certamente è lo stesso Aramburu lo scrittore che ai parenti delle vittime di ETA spiega come sia complicato scrivere un romanzo sul terrorismo. Bisogna evitare il sentimentalismo e i luoghi comuni. Bisogna - aggiungo io - mettere in conto il fastidio con cui le anime belle appena rientrate da una manifestazione a favore di qualche popolo oppresso accoglieranno un libro in cui gli eroici combattenti sono presentati come un'associazione a delinquere, una macchina di morte ben oliata, che controlla il territorio con metodi mafiosi.
 
Al centro della storia di Aramburu c'è l'uccisione di un imprenditore incapace di pagare l'esosa tassa rivoluzionaria (si fa prima a chiamarla "pizzo") imposta dall'ETA.
 
Attorno vittime, carnefici, persone comuni le cui vite sono sconvolte dal destino e dagli ingranaggi di una guerra di liberazione più grande di loro. Molti vili che esprimono un timido dissenso a bassa voce, solo dopo essersi sincerati che nessuno li senta. Tutti pronti a fare il deserto attorno alla vittima designata e a riscoprire la loro "dignità" quando il terrorismo ammaina la bandiera.
 
Aramburu non rispetta la cronologia degli avvenimenti: salta da un luogo e un tempo all'altro come se seguisse i capricci della sua memoria. Talvolta ritorna sui suoi passi per raccontare lo stesso avvenimento da un'altra angolazione. Improvvisamente si passa alla prima persona. Sempre si ha una scrittura tagliente che vuole coinvolgere senza commuovere.
 
Solo nel finale i fatti scorrono ordinati, come ci si aspetta da una narrazione "normale". A quel punto però i nostri corpi sono feriti e bastonati come quelli dei personaggi di Aramburu.
 
"Patria" è un bellissimo libro, sia dal punto di vista formale che da quello stlistico. In più mette in discussione le certezze degli "osservatori esterni" sulla divisione di bene e male tra minoranze etniche e poteri centrali.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 1/7/2018 alle 6:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Bernard Shaw - Il wagneriano perfetto
16 giugno 2018
Introducendo la seconda edizione di questo libretto Shaw vuol farci credere che non si immaginava che esso avrebbe avuto così tanto successo da venir ristampato. Ed alla quarta edizione egli si premura di spiegarci che Wagner è ancora attuale nel XX secolo e che, in fondo, il Wagneriano perfetto può essere utile anche dopo la grande guerra.
 
Noi che parliamo ancora del Ring del centenario come se fosse un allestimento di bruciante attualità - fingo per amore di anagrafe di non sapere quanti anni sono passati da allora! - sappiamo che Shaw ha ancora molto da dirci. Magari solo per notare come a Glyndebourne sia stata poi realizzata una Bayreuth britannica che bagna il naso alla sua consorella bavarese.
 
Posso anche sorridere delle pagine dedicate ai leit-motiv (sono ancora da venire le colonne sonore di Korngold!). Shaw però centra sempre l'obiettivo. Egli osserva il carattere grand-opéra del Crepuscolo degli dei - strano lavoro che nasce come un novello Lohengrin e cambia prospettiva, ma non forma, quando si trova piazzato al termine di un gigantesco componimento epico; il fallimento del personaggio di Sigfrido, incapace da solo di compiere il gesto redentore; l'importanza dell'elemento femminile - tema qui giusto accennato, tanto per consentire a Nattiez di pubblicare uno dei più interessanti saggi sul tema che io possa immaginare.
 
Di Shaw mi piace lo stile, intriso di ironia e bruciante (anche quando mi fa capire che, a differenza di me, non riesce ad ammirare la mucca al pascolo di Vaughan Williams).
 
Più di tutto però apprezzo il metodo. Shaw non si interessa ad arcobaleni e tempeste - sono cose che nota chiunque e su cui dunque non val la pena soffermarsi - ma del senso complessivo della narrazione operistica di Wagner e del perchè essa parli immediatamente al pubblico. Anche a quello del XXI secolo... che trova ancora di che godere in questo libretto.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 16/6/2018 alle 16:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L'angolo del mondo di Mylene Fernandez Pintado
9 giugno 2018
Una professoressa universitaria accetta a malincuore di scrivere la presentazione del libro di un esordiente. Molto presto nasce però tra i due una storia d'amore tanto intensa quanto breve: il giovane scrittore infatti parte per Madrid senza che la professoressa trovi il coraggio di lasciare Cuba.
 
E' questo elemento a distinguere il romanzo di Mylene Fernandez Pintado da una versione caraibica de "L'amante" di Marguerite Duras - per altro citata alla fine del libro. Il vero fulcro della storia è il rapporto dei cubani con l'estero.
 
Per uno dei personaggi della Pintado basta lavorare all'ufficio emigrazione per soddisfare la sete di viaggi in un paese dove l'espatrio è reso difficile sia dalla dittatura che dalla mancanza di denaro. La faccenda però appare subito molto più complessa: ognuno conosce persone che hanno fatto il viaggio al di là dal mare, spesso di sola andata, talvolta con un ritorno in patria pieno di disillusione sia verso un primo mondo che non ha mantenuto le promesse di un allettante di benessere ma anche nei confronti dell'Avana che appare cambiata rispetto all'immagine che se ne portava nel ricordo.
 
Mi chiedo se anche Mylene Fernandez Pintado cada nel medesimo miraggio degli altri esuli di cui parla e se la Cuba che lei descrive sia davvero tanto affascinante come ce la dipinge. In fondo non mi importa se un a luogo letterario corrisponda realmente una entità reale: la vera arte in quanto trasfigurazione di ciò che conosciamo non può che trasportarci in un immaginario bello e - va da sè - lontano.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 9/6/2018 alle 7:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Marco Malvaldi - Negli occhi di chi guarda
4 giugno 2018
Marco Malvaldi decide di lasciare in pensione i suoi pensionati del Bar Lume e di scrivere un giallo classico basato sullo schema Agatha Christie. Siamo in un luogo isolato, una stupenda tenuta maremmana, dove si consuma un delitto. Chiaramente il colpevole non può che essere uno degli ospiti del luogo. Ognuno ha dei buoni motivi per uccidere l'altro; la vicenda si snoda con il giusto equilibrio di colpi di scena, qualche sub-plot ben costruito in attesa del finale durante il quale le cellule grigie del buon detective - più o meno improvvisato - smaschereranno in una drammatica seduta a cui tutti sono presenti, il colpevole.
 
Sono meccanismi narrativi arcinoti che però, come osserviamo in questa nuova storia di Marco Malvaldi, funzionano sempre molto bene. E' una letteratura di intrattenimento, che non ha molte pretese, anche se il tutto è infarcito di riferimenti alla scienza - la chimica in particolar modo.
 
Malvaldi ha la stoffa necessaria per essere un buon divulgatore di una materia che amiamo entrambi - ho studiato chimica anche io. Mi auguro però che i lettori di questo libro evitino di fare esperimenti di piccolo chimico, se non con gli indicatori acido-base, certamente con il potassio metallico (o anche con il sodio, forse ancora più divertente).



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 4/6/2018 alle 7:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Un anno in giallo con Sellerio
1 giugno 2018

Vista la popolarità del genere giallo, Sellerio è sicura di piazzare un colpo vincente con questa antologia di dodici gialli brevi, uno per mese, affidati alle penne più celebri della propria scuderia.

Camilleri rispetta appieno le mie aspettative: cinquanta paginette di dialettismi siciliani su una trama che verrebbe rifiutata anche dalla Settimana Enigmistica. E neppure mi entusiasmo per l'agostana vicenda di un Erdogan sofferente di epilessia.

Molto meglio il biblioterapeuta di Stassi, come pure Savatteri, entrambi divertenti nel gusto della citazione e del gioco meta-romanzesco. Con questi autori siamo un po' spettatori un po' protagonisti di questa Italia contemporanea che cerca nei telegiornali e nel quotidiano la continuazione dei brividi provocati dalla letteratura gialla. Ugualmente piacevole il modo con cui Recami (ottobre) ammicca al proprio collega Piazzese cui Sellerio ha affidato il mese di novembre. Niente male anche il "Divo di Ballarò" che nel mese di luglio mostra di nuovo il corto circuito tra il sognato mondo dei vip e la squallida realtà in cui si è costretti ad annaspare. In questo caso non è la vicenda poliziesca ad interessare ma l'analisi della società. Un poco lo stesso discorso che potrei fare per il racconto di Simonetta Agnello-Hornby, cui forse sta un po' stretta la categoria giallo, e che presenta un rapido sguardo nella realtà della periferia londinese.

Per essere un'operazione di marketing il libro è molto piacevole e merita la lettura.




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 1/6/2018 alle 6:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Arto Paasilinna - L'anno della lepre
15 maggio 2018
Il giornalista Vatanen - Paasilinna indica sempre l'esatta ragione sociale di ogni suo personaggio - ha raccattato una lepre ferita. Siamo sulla statale che collega Heinola a Helsinki; è - come nei "Piccoli suicidi tra amici" - la più corta notte dell'anno, San Giovanni, e il giornalista Vatanen decide di farla finita con la sua vita. Non suicidandosi, ma scappando nella foresta con la lepre. Così, in compagnia della sua lepre - come il pastore protestante con l'orso - il giornalista Vatanen si butta in un folle vagabondaggio, del tutto analogo a quello degli aspiranti suicidi.
 
Il girovagare da una meta all'altra è un elemento caratteristico dei personaggi di Paasilinna. E' l'aspirazione a cambiare esistenza: il giornalista Vatanen muore alla professione, alla moglie, a Helsinki e a tutto il sud "popoloso". Egli scappa da un circo folle in cui si cerca, con maldestra pedanteria, di ottenere una precisione elvetica che affoga - spesso letteralmente - nel caos.
 
Il libro è una successione di episodi che mostrano un teatro del mondo del tutto impazzito, in cui ogni cosa - anche la tragedia - assume contorni grotteschi e stralunati. E' uno stile che ho imparato a conoscere, che mi permette di immaginare facilmente l'ossatura della trama del prossimo libro di Paasilinna ma non la muscolatura delle vicende esilaranti in cui egli coinvolgerà i suoi personaggi.
 



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 15/5/2018 alle 6:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Guareschi - Il mondo piccolo di Don Camillo
10 maggio 2018
Prima di narrare le avventure di Don Camillo, Peppone e il Crocifisso, Guareschi scrive una lunga introduzione in cui ci presenta quello che è - forse - il vero protagonista del suo libro: il territorio della Bassa, il pezzaccio di terra tra Appennino e Po.
guareschi
 
Lo fa con tre racconti che, essendo inventati, sono più reali di quelli veri. Vi si parla di un uomo che minaccia Dio per salvare il figliolo moribondo, di un cane che difende anche da morto la proprietà minacciata da quelli di città che pretendono di farvi passare la ferrovia e infine di un giovanotto che incontra tutte le sere, al solito posto, la sua bella... ridotta a un fantasma trasparente dopo che è morta nell'incendio della propria casa. Altro che Jane Eyre. Qui siamo in pieno realismo magico: Macondo inizia a Piacenza e i giganteschi - in tutti sensi - protagonisti delle storie di Guareschi non sono meno mitici e favolosi dei Buendìa.
 
Nel finale, in cui il bambinello rosa dipinto da Peppone trascende le epoche e continua ad essere ammirato anche in un ipotetico futuro atomico e ultra-moderno si chiude il senso dell'epopea del mondo piccolo di Guareschi. Pur essendo molto delimitato nello spazio (la bassa emiliana) e nel tempo (un anno solare tra il '47/48) si toccano tasti comuni a ognuno di noi, indipendentemente dalla sua posizione. E questo assicura che il sindaco rosso e il prete d'assalto sopravvivano alla scomparsa dei loro partiti.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 10/5/2018 alle 16:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Markus Zusak - Storia di una la ladra di libri
26 aprile 2018
Liesel, la protagonista di questa storia, è ladra di cibo, in tempo di guerra il mangiare scarseggia, ma non certo di libri: i volumi di cui entra in possesso o le vengono regalati o li trova in giro. Per esempio, il suo primo libro - "Il manuale del necroforo" - lo trova in un cumulo di neve, durante il funerale del fratellino. Non lo può leggere, perchè analfabeta. Però, qualche capitolo più in là il padre adottivo le insegnerà a leggere e a scrivere, usando per la bisogna proprio questo capolavoro della letteratura mondiale. Neppure Coelho riuscirebbe a raggiungere una simile concentrazione di scempiaggini.
 
L'amore per la parola scritta cui allude furbescamente il titolo non è - se non nelle ultime pagine - il tema principale di questa "Ladra di libri". Semmai ci troviamo di fronte a un romanzetto scritto in stile infantile e mediocre, infarcito di sentimentalismi e luoghi comuni riguardanti la seconda guerra mondiale.
 
Potrebbe essere interessante l'idea della morte come io narrante, però non riesco a definire se durante la lettura di questo libro sia stata maggiore la noia rispetto al fastidio di essere stato buggerato da un titolo marchettaro, senza il quale non avrei mai preso in considerazione questa storiellina.
 
Un libro inutile che mi farà stare accuratamente alla larga da Markus Zusak.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 26/4/2018 alle 12:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Marco Vichi - Il commissario Bordelli
5 dicembre 2017
Bordelli rientra nella categoria dei commissari buoni, amici di chi delinque per necessità, nemico di prepotenti e superiori, indifferente alla propria carriera ma non a quella degli altri.
 
A evitargli la sorte di un "me-too" sono i ricordi della guerra partigiana. Sono storie vere, che Marco Vichi ha raccolto dal proprio padre e che qui vengono attribuite a Bordelli.
 
Nella trama principale si inseriscono così dei racconti nel racconto, alcuni riguardano lo stesso Bordelli, altri vengono esposti dagli altri personaggi, come in un moderno Novellino.
 
In queste pagine ritrovo la felicità narrativa di cui avevo goduto in "Perché dollari?". Vichi scrive con maestria ed anche quando le ferree leggi del marketing lo obbligano a pagare tributo al genere giallo trova modo di far risaltare le proprie qualità.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 5/12/2017 alle 7:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Ketty Magni - Rossini, la musica del cibo
13 novembre 2017
Ketty Magni racconta in modo romanzato la seconda parte della vita di Rossini. Dopo il clamoroso successo del Guglielmo Tell, il pesarese non scrive più per il teatro. Al più compone per se stesso (I peccati di vecchiaia) o per occasioni intime (La piccola Messa Solenne - delizioso ossimoro!).
 
Non essendo musicologa, Ketty Magni non si chiede i motivi di quello che i melomani sentono come il grande silenzio di Rossini. A lei tutto questo appare normale e benvenuto. Il suo intesse si concentra infatti sul lato gastronomico (a fine libro ci sono ricette di cucina rossiniane o quanto meno legate a lui) e mondano. Rossini, con la sua seconda moglie, teneva in Parigi un importante salon dove si incontrava tutto il jet-set del momento.
 
Mi é parso un po' debole il finale, come se l'autrice non trovasse più temi che vivacizzassero una monotona successione di feste e incontri e soprattutto come se le fosse difficile affrontare il tema del declino fisico e della morte senza cadere nel sentimentale.
 
La prima parte del libro soddisfa però la curiosità di un lettore da rotocalco quale può essere ogni tanto anche un melomane incallito.




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 13/11/2017 alle 11:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Tiziano Terzani - Un indovino mi disse
29 ottobre 2017
Come molti di noi parlando di occulto Tiziano Terzani "Non ci crede, ma..."
 
Infatti, quando un mago cinese lo avverte che è molto pericoloso per lui volare nel 1993, Terzani preferisce non correre rischi e decide che per quell'anno si sposterà via terra o mare. Non è cosa facile per un giornalista occidentale in Asia, ma con grande pazienza Terzani riuscirà a mantenere fede al proprio progetto. Gli ostacoli sono fatti proprio per venire superati: l'obbligo di non volare costringerà lo scrittore a cercare modi alternativi di trovare storie da raccontare ai propri lettori e lo farà giungere alla conclusione che tutto cambia di prospettiva quando si ripristinano le frontiere terrestri, quando i paesi vengono visti dal basso senza passare dal mondo fittizio degli aeroporti.
 
C'è poi un altro aspetto che merita interesse. Ovunque si rechi, Terzani consulta maghi, indovini, chiromanti, chiaroveggenti. Ognuno ha un modo proprio di divinare e - spesso - delle profezie diverse da fornire. Una cosa sembra comune ai vari metodi predittivi scelti: ceneri, foglie di te, ossa, dadi, sassolini o mani sono dei supporti tramite i quali consultante e veggente entrano in comunicazione (telepatica?) tra di loro. Il giornalista è sicuro di essere lui a trasmettere in qualche modo le notizie che il mago gli sta dando. E verosimilmente è così, l'ho notato del resto anche io da umile cartomante della domenica.
 
E' una lettura niente affatto impegnativa che mette in discussione le nostre certezze sulla razionalità su cui pretendiamo di basare la nostra esistenza.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 29/10/2017 alle 8:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Rossella Canadè: La 'ndrangheta nelle terre del Po - L'inchiesta
11 ottobre 2017
Rossella Canadè - giornalista della Gazzetta di Mantova - ci offre un resoconto delle infiltrazioni mafiose nella bassa padana. E' un libro ben fatto sia dal punto di vista giornalistico che letterario. 
 
I grandi affari su cui puntano gli occhi le cosche calabresi - il rifacimento di Piazzale Mondadori, la cementificazione di Lagocastello - presenti sullo sfondo fin dalle prime pagine del libro hanno dei tratti che si focalizzano gradualmente per venire poi del tutto alla luce - come in un giallo che si rispetti - solamente nel finale.
 
Rossella Canadè lavora con l'abilità di una esperta strip-tiseuse: il suo lettore non si annoia di fronte alla sfilza di nomi e fatti ma si appassiona, pagina dopo pagina, ad un libro che mantiene fino in fondo le promesse fatte in apertura: intrattenere e fornire allo stesso tempo notizie serie ed attendibili.
 
Poi, ovviamente, diventa spontanea la considerazione che tutto il nostro paese è pieno di tante piccole Mantove, che in moltissime realtà che si credono presuntuosamente immuni da infiltrazioni mafiose esistono gruppi che lavorano alla luce del sole per realizzare progetti folli, come ad esempio la cementificazione del Parco del Mincio.
 
Mi chiedo, in verità, come sia possibile che una persona dotata di un briciolo di intelletto possa pensare di costruire centri commerciali, condomini e uffici in una zona protetta sia dal punto di vista naturale che da quello artistico. E' che nel nostro paese si è convinti che tutto si arrangia, che poi si trovi sempre una soluzione che risolva il fatto compiuto, che cancelli lo sfregio alle regole.
 
La legge? Un puro accidente. Questo bellissimo libro ci racconta che non è così se cittadini e forze dell'ordine - non colluse - stanno attente a ciò che accade nel loro territorio.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 11/10/2017 alle 15:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Italo Calvino - Le città invisibili
16 settembre 2017
Kublai Kan è curioso di conoscere le città che Marco Polo ha visitato. E il veneziano racconta nuove storie, parla di città dai nomi incredibili e dall'aspetto ancora più strano e originale.
 
Se Queneau racconta un episodio semplice e banale in stili e modi differenti, Calvino rimane fermo nello stile del racconto di viaggio per disegnare mondi diversi, immaginari e fantasiosi. Che però sono sempre agganciati a elementi che conosciamo e che rimandano alla nostra vita. Nelle sue città infatti si può sempre trovare qualcosa di già visto nella nostra esistenza.
 
Ogni tanto ci ritroviamo nella reggia di Kublai Kan. Sentiamo le obiezioni del sovrano, le sue richieste. Ci vengono riferite le risposte di Marco Polo. Sono dialoghi e osservazioni che spiegano il mo(n)do da cui originano tutte le città meravigliose di cui stiamo leggendo la storia. Questi momenti di meta-romanzo sono forse le parti più interessanti del libro, quelle che ci illuminano sui rapporti che si creano tra lettore e scrittore. E' qui che viene disvelato infatti il gioco del romanzo e della narrazione. Ed è per questo che più che al mondo del Milione mi viene spontaneo pensare alle Mille e una notte. Come Sheherazade, Calvino incatena a se Shahriyar e noi let




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 16/9/2017 alle 9:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Seethaler - Il tabaccaio di Vienna
5 settembre 2017
Risultati immagini per trafik
Franzl è un diciassettenne che ha lasciato il villaggio natale nel Salzkammergut per lavorare come aiutante in una tabaccheria. Apparentemente ci troviamo di fronte a tanti cliché: l'adolescente di provincia che matura a contatto con la capitale, la scoperta del sesso, l'amicizia con una persona importante e inaspettata (in questo caso Siegmund Freud).
 
Se Seethaler invece di essere un crucco fosse italiano gli ufficiali della Gestapo sarebbero presentati come bonaccioni simpatici...  Invece no. L'annessione dell'Austria all'impero germanico viene presentata con un tono trasognato, di chi non capisce pienamente cosa sta succedendo (il protagonista è troppo giovane per rendersi conto di ciò che bolle in pentola) ma non per questo meno tragico. Anzi, proprio perchè sappiamo a cosa il paese andrà incontro viviamo con angoscia le pagine di questo libro.
 
Ed anche l'epilogo della storia viene presentato sotto forma di un dialogo in negozio, come un cicaleccio di comari che facendo la spesa si raccontano le ultime novità del giorno, c'è perfino l'imitazione della parlata viennese che dà alle parole un colore incompatibile con la tragedia. Il titolo stesso "Der Trafikant" è austriaco: ancora oggi le tabaccherie sono indicate con il termine Trafik per cui il Trafikant è il tabaccaio o meglio - con termine dialettale - il tabacchino.
 
Ma la Storia può bussare alla porta di chiunque, anche di chi non è eroe, di chi non sa niente di politica e si interessa solo a spassarsela. Quindi anche per un tabacchino esiste un posto nelle grandi vicende del mondo.
 
Ho scoperto Seethaler per caso. Ha un ottimo stile, trova un bell'equilibrio tra ingenuità, divertimento e tono serio. Ci parla delle grandi questioni della storia senza assumere un tono professorale, con la semplicità del suo protagonista Franzl che con la sua aria giovanile viene sempre apostrofato come Burschi (ragazzino, il libro - come si vede - è pieno di espressioni austriache). Un bel libro, a suo tempo pubblicato in italiano ma attualmente non disponibile.




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 5/9/2017 alle 14:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Philippe Beaussant - La malscène (la cattiva scena)
30 agosto 2017
Philippe Beaussant è arrabbiatissimo. Si è stufato di assistere a regie che ridicolizzano e/o violentano lavori teatrali cui è - come noi - affezionato. Così ha preso carta e penna e ha scritto questo libretto gustoso, che si legge tutto d'un fiato.
 
Beaussant analizza i motivi che rendono così affascinante il teatro - e in particolar modo, quello in musica. Sono motivi paradossali, che troviamo già esposti poeticamente nell'Amleto, quando il principe danese analizza la reazione che il lamento di Ecuba ha sull'attore e sul pubblico. E' un bene però riportarli alla memoria per aver ben chiaro di cosa stiamo parlando, per capire che delitto venga perpetrato quando si distrugge il sistema comunicativo su cui si basa una rappresentazione teatrale.
 
Alla base della tabe che ha infettato i nostri teatri c'è, secondo Beaussant, la Verfremdung brechtiana: il regista deve ridicolizzare il testo tragico, sminuirne la portata per straniarci da esso. Possibile. Però a me sembra alquanto riduttivo. Trovo infatti spesso e volentieri il desiderio di riscrivere le opere, di sostituirsi all'autore, di eliminarlo dal cartellone come se fosse un ingombro. L'incapacità di rinnovare in modo adeguato il repertorio con titoli scritti ai nostri giorni rende inevitabile che i registi provino ad aggiornare i testi antichi perchè essi svolgano surrettiziamente il compito di raccontarci il nostro quotidiano. Non sempre l'operazione riesce. Perchè le idee giuste non vengono a tutti e con il tempo la provocazione si trasforma in una routine utile quanto una regia zeffirelliana. Ha così facile gioco Beaussant a notare che tutte queste regie si somigliano e riciclano gli stessi elementi che sappiamo a memoria.
 
Inutile, dice, fare dei nomi: trasformeremmo il libro in un noioso catalogo. E poi, aggiungo io, la preterizione è la vendetta migliore verso certi registi. Come Dante esprime al sommo grado il proprio disprezzo verso gli ignavi non citandone neppure uno, Beaussant nega ai tacchini che si credono pavoni la gloria di una citazione - fosse anche negativa.
 




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 30/8/2017 alle 7:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre