.
Annunci online

SottotettiGiuseppe
Tutte le arti hanno una sola patria: il nostro cuore assetato di bellezza
Link
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Loading

Disastroso Fidelio all'Opera comique 2021
4 ottobre 2021
Difficile immaginare una direzione orchestrale peggiore di quella di Pichon. C’è una incomprensione di Beethoven che esula dai tempi forsennati scelti. Faccio finta che l’Allegro moderato del primo numero sia proprio la corsa all’abisso adottata da Pichon, però poi c’è una sezione centrale indicata dolce che il buon senso vorrebbe contrastata rispetto alle sezioni laterali. E se non ho rallentato mai, dove trovo la forza aggiuntiva per il poco più allegro con cui si chiude il duetto? È lo stesso problema dell’aria di Marcellina il cui andante con moto iniziale conduce a un poco più allegro. Logico: Beethoven sta raccontando una storia in musica con un metodo che gli verrà scopiazzato di lì a qualche decennio da Wagner (non il contrario, si veda la logica che sottende il passaggio da Leonore a Fidelio). I contrasti, le transizioni, gli improvvisi scolorirsi del tessuto orchestrale debbono trasmettere le emozioni di un nuovo linguaggio espressivo, è indispensabile che ogni momento musicale si adatti alle necessità dell’azione scenica.

Con Pichon tutto è triturato in una poltiglia in cui differenze dinamiche e agogiche soffocano. Il Mir ist wunderbar è un pallido fantasma della melodia che mi commosse quando a malapena adolescente la ascoltai per la prima volta sotto Böhm. Analizzare con la partitura davanti la scena di Leonora è impietoso: non c’è alcun senso drammatico anche solo a prendere il numero come un proto-Weber, in più i corni combinano un pasticcio indegno di una banda mediocre di paese.

Qualche sprazzo di umanità nel melodramma, ma solo perchè il parlato impone la sua logica allo s-cervellato baroccoso, una calamità la straordinaria melodia che Beethoven ricicla da una cantata giovanile. Sotto Pichon si costruisce una scala verso l’inferno che obbedisce solo a una irresistibile necessità minzionale.

In questo spettacolo sbagliato si salvano, per quanto possono, cantanti e regia.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 4/10/2021 alle 14:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre