.
Annunci online

SottotettiGiuseppe
Tutte le arti hanno una sola patria: il nostro cuore assetato di bellezza
Link
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Loading

Recami - Il diario segreto del cuore
19 febbraio 2019
Recami racconta storie che avvengono in una casa di ringhiera: condomini i cui appartamenti danno tutti su una ringhiera che guarda il cortile interno.

 

All'inizio del libro nella casa è presente la sola famiglia Giorgi: due ragazzini delle medie; la madre campa da sola come può: il marito vive ora in una casa-famiglia dove forse ha superato davvero i suoi problemi di alcoolismo.

Il diario di cui si parla nel titolo è quello della ragazzina, Margherita. E' la prima della classe, ha fatto la primina. Potrebbe essere una versione XXI secolo di Cuore.

E' evidente che Recami ha in mente De Amicis, ne cita prima di incominciare un sonetto avvelenato contro i critici letterari, osserva che Milano gli ha dedicato una via che è la continuazione di via Carducci, da cui era disprezzavato, e che il suo successo letterario gli valse un sacco di nemici i quali non esitarono a ricorrere anche alla calunnia contro di lui.

Anche a me vennero regalate a Natale innumerevoli copie di Cuore. Tutte rigorosamente mai aperte (non sono mai arrivato al mese di novembre). Non so dunque se il padre di Enrico scrivesse al figlio come fa Claudio con Margherita. La giovinetta applica al mondo degli adulti uno spirito critico assente a fine ottocento, in un mondo che non metteva in discussione l'Autorità. E anche i riassunti di libri edificanti hanno un che di dissacrante: sono innanzitutto copiati da internet e ad essi la ragazza fa seguire un proprio commento privato che distrugge quanto il politicamente corretto l'ha obbligata a scrivere ad uso e consumo della scuola.

C'è la curiosità per il sesso. Se ne parla nelle ore di educazione all'affettività, ma paradossalmente i ragazzi hanno le stesse curiosità e soprattutto la stessa difficoltà che aveva la mia generazione a sapere come stessero effettivamente le cose (ma forse a noi andava meglio vedendo i cani accoppiarsi in cortile). E' divertente la noia per le sfumature di grigio, che non contiene le informazioni cercate, mentre Pasolini è molto più ricco di informazioni utili.

Ma non c'è solo il diario. Esiste anche la storia di come l'entrata degli adulti in questo mondo anzichè raddrizzare i torti peggiori le cose. E sopra tutto, c'è l'ironia con cui Recami descrive la nostra vita. E' un bel libro agro-dolce che si legge tutto d'un fiato.

 




permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 19/2/2019 alle 7:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo