.
Annunci online

SottotettiGiuseppe
Tutte le arti hanno una sola patria: il nostro cuore assetato di bellezza
Link
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 426421 volte

Loading

Sparate sul Franco Cacciatore! Vienna (2018)
9 luglio 2018
Che le cose non sarebbero andate bene lo ho capito dal tempo alquanto posato con cui Netopil ha preso le sincopi che introducono Samiel nell'ouverture. E anche la ripresa più lenta del valzer a metà dell'atto ha un senso musicale ma stona nel contesto della festa paesana in cui ci troviamo. Disumano Alan Held, Caspar, che nello "Schweig', schweig..." fa delle colorature abborracciate che si concludono malamente. Nel coro di apertura del celeberrimo finale secondo si sente cantare "Uhù" anzichè "Uhu-ì". Capisco: c'è un accento sulla seconda "u" e la povera "i" è una notina che deve competere con il crescendo in forte dell'orchestra. Però non capisco come mai Netopil non riesca a risolvere questo passaggio in modo corretto come ho sentito fare - anche senza scomodare Kleiber - dai suoi colleghi. Mi piacerebbe poi sapere se Netopil si rende conto che certe frasettine non sono meramente esornative ma descrivono il vento, lo stormire delle foglie, la paura che coglie i personaggi alle prese con il soprannaturale che piomba improvviso sulle loro tranquille esistenze. A giudicare da quello che ho sentito direi di no. Insomma, mi sono passabilmente annoiato sulla parte musicale.
 
E quella visiva?

Christian Räth ha tirato Carl Maria von Weber fuori dal cilindro delle idées reçues registiche. Max è Weber, alle prese con la mancanza di ispirazione. Kilian gli mostra gli errori che ci sono nella partitura e Samiel procura pentagrammi bianchi su fogli neri. Nel Wolfsschlucht, Weber/Max scrive freneticamente (Bouvard e Pécuchet registi d'opera!) le pagine della sua partitura. Incendio del pianoforte (la regia fa l'effetto di un centinaio di perette di glicerina, ma la scena con le fiamme è bella a vedersi).

 
netopil
L'antenato il cui ritratto cade nel secondo atto è sempre Weber e l'eremita sbuca da un lampadario da teatro.
 
Non ho voglia di continuare: è un bruttissimo spettacolo con una regia e una direzione musicale che non stanno in piedi.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 9/7/2018 alle 11:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno