.
Annunci online

SottotettiGiuseppe
Tutte le arti hanno una sola patria: il nostro cuore assetato di bellezza
Link
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Loading

Ad Anversa un buon Parsifal con una grande Kundry (2018)
26 giugno 2018
Bella l'idea scenica di un semplice semicerchio bianco i cui cambi di colore sottolineano le atmosfere entro cui passa la narrazione di Parsifal. Accetto che si mimi l'antefatto della storia durante il preludio, e sono pure molto suggestivi i rivoli di sangue che scendono dalla parete dopo il bacio tra Kundry e Amfortas. Mi infastidiscono però i topoi delle regie impegnate: i tablet con cui si fotografano le succitate strisce di sangue o con cui si fa qualche selfie; l'immancabile suicidio da taglio delle vene (Kundry tra l'altro lo commette ben due volte); un personaggio (stavolta Gurnemanz) in sedia a rotelle. Non tutto è da buttare: impressionante il bambino-cigno ucciso da Parsifal con una secchiata di vernice rossa; Amfortas si rivolge direttamente a Parsifal nel monologo del primo atto e cerca di obbligare i cavalieri ad abbandonare le pose che assumono durante la prima ostensione del Graal, come se avesse perso la fede. Però abbiamo anche stupidaggini come le nonne-fiore che ricompaiano nel Karfreitagszauber, o Kundry che rifiuta il battesimo. 
 
Tanja Ariane Baumgartner mostra subito alle prime note di essere una Kundry di ottimo livello: voce pastosa, omogenea su tutta l'estensione, grande facilità nell'adattarsi a una parte complessa che richiede una vasta gradazione di espressioni, dal sarcasmo malvagio alla viperina seduttività della femme fatale fine ottocento (esisterebbe Salome senza Kundry?).
 
Ottima la sua scena con Erin Caves, un Parsifal affatto convincente. Meno felice Kay Stiefermann che sceglie una lettura ironica e sardonica di Klingsor però manca dell'artigliata che aggiunge la malvagità necessaria a completare il personaggio. Ho insomma l'impressione che il suo Klingsor succube di Kundry, che addirittura pare supplicarla, sia più imposto dai limiti vocali che frutto di una scelta interpretativa. Non male Christoph Pohl (Amfortas), interessante Stefan Kocan, gran bel Gurnemanz.
 
Avrei amato maggior grinta dal direttore d'orchestra, Cornelius Meister, che forse con dei tempi un po' più stretti sarebbe riuscito a dare maggiore direzionalità al racconto (il finale dell'opera secondo me si sfaldava ed anche nel preludio... se non aumentiamo l'enfasi ad ogni riesposizione dei temi ci addormentiamo già nei primi minuti dell'opera o - quanto meno - ci domandiamo perchè mai Wagner continui a ripetere la stessa solfa. Penso che tempi più stretti e maggior cura dinamica avrebbero aiutato i cantanti - impossibilitati a scendere sotto il mezzoforte - ed avrebbero impresso un diverso impeto narrativo all'opera.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 26/6/2018 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio