.
Annunci online

SottotettiGiuseppe
Tutte le arti hanno una sola patria: il nostro cuore assetato di bellezza
Link
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

Loading

Porto Cervo
12 giugno 2018
Porto Cervo è uno di quei luoghi in cui le categorie di "falso" e "vero" vanno in corto circuito. Si tratta infatti di una gigantesca scenografia fasulla appiccicata ad un teatro naturale immensamente bello. Eppure nonostante questa falsità Porto Cervo è l'immagine del villaggio marinaro mediterraneo che ognuno di noi reca nel cuore. Portici, rotonde, loggiati, tegole variopinte, verzura, scalinate, ponticelli e giardini, porticciolo ameno e scogliera... ogni particolare è al suo posto, come non sarebbe mai in un villaggio reale.  E dunque proprio l'artificiositá di questa costruzione le garantisce una verità che la connette subito al cuore dei visitatori.
 
Proprio questo rifarsi a una idea platonica di borgo marinaro mi impedisce di sapere dove sono. Come i negozi di griffes, identici a qualsiasi latitudine, anche Porto Cervo può collocarsi indifferentemente in tantissimi paesi.
 
É qualcosa che mi colpisce particolarmente nella chiesetta eclettica Stella Maris, che domina il centro. Un edificio di un accecante biancore, con una cupoletta azzurra che fa tanto Grecia e la presenza di angoli sempre smussati che invece rimandano al modernismo catalano. Bello, ma stilisticamente eccentrico. Ripenso con nostalgia al ruvido romanico di san Simplicio ad Olbia, con i rozzi volti che adornano i capitelli delle colonne e mi sembra di tenere in mano dei blue jeans di sartoria sfilacciati artificialmente.



permalink | inviato da SottotettiGiuseppe il 12/6/2018 alle 16:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio